Pennelli per pittura ad Inchiostro di China

In questa sezione trovi i pennelli più adatti per la pittura ad inchiostro di china. Per questo medium sono molto utilizzati i pennelli in filato sintetico. Borciani e Bonazzi ha sviluppato pennelli in filato sintetico adatti per questo tipo di pittura.

Leggi di piùMostra di meno
Filtra per
Affilato nella punta, sorprendente nel serbatoio. Extra lunghezza del filato, estrema morbidezza, incredibile assorbenza. Per acquerello e tecniche diluite. Precisione, compattezza, versatilità e grande serbatoio: ecco la punta del liner Unico Infinito. - L’iconica punta a fiamma extra long in filato Hidro®... Leggi di più
Grande nella performance, piccolo nella misura. Incredibile morbidezza, estrema assorbenza: molto più di quello che lascia a vedere. Per acquerello e tecniche diluite. Tutte le proprietà di Unico Infinito ma in mini formato: - L’iconica punta a fiamma in Filato Hidro® brevettato.- Tre legature in filo... Leggi di più
Visualizzati 1-10 su 10 articoli

CHE COS’È L’INCHIOSTRO DI CHINA?

L’inchiostro di china, chiamato anche inchiostro cinese, inchiostro indiano (Indian ink) o semplicemente china, è un inchiostro nero che si usa per la calligrafia, il disegno o la pittura.

Si ritiene che provenga dall’Oriente, più precisamente da Cina o India – ecco spiegato il perché della duplice denominazione cinese o indiano, e soprattutto la coniazione del termine inchiostro di china: China Ink, ovvero inchiostro “di Cina”.

L'inchiostro di china propriamente detto si presenta sotto forma di bastoni da strofinare su una pietra nell'acqua. È indelebile e di aspetto brillante dopo l'asciugatura. Questi inchiostri neri servono anche nel fumetto per l'inchiostratura dei disegni a matita e a volte nel disegno tecnico.

L’inchiostro è un preparato che si crea unendo coloranti e pigmenti a una base acquosa o oleosa. Nel caso specifico dell’inchiostro di china, al legante acquoso viene unito il pigmento nero di carbone, chiamato anche nerofumo.

L’inchiostro di china liquido è un preparato nero fatto originariamente di pigmento di carbone. Ma al giorno d’oggi ci sono tantissime marche di inchiostri venduti con la dicitura “inchiostro di china” che di fatto contengono pigmenti sintetici.

L’invenzione dei pigmenti sintetici alla fine del XIX secolo ha moltiplicato l’offerta e cambiato la composizione degli inchiostri in commercio. I pigmenti sintetici hanno una buona resa e soprattutto una minor tossicità rispetto al nero di carbone che è stato dichiarato cancerogeno.

La consistenza può variare da più densa a più diluita in base alle proporzioni tra pigmento e legante. Più lo si vuole nero e coprente, e più va usato puro; viceversa per lavorare su diversi livelli di colore e sfumature bisognerà diluirlo fino a raggiungere l’intensità di colore desiderata.

Utilizzando la nostra selezione di pennelli si possono fare tratti fluidi e riempimenti uniformi.

Si può dipingere a tinte piene giocando coi contrasti tra bianco/nero come per esempio nei fumetti, oppure con sfumature, creando diversi livelli di tinta. Diluito con l’acqua, l’inchiostro nero di china permette un uso molto simile a quello dell’acquerello. 

L’alternativa, più banale ma molto pratica, è usare i pennelli per acquerello ovvero quelli a punta tonda. Questo perché l’inchiostro è un pigmento diluito in acqua proprio come l’acquerello, quindi le esigenze tecniche sono più o meno le stesse.

COME SCEGLIERE IL PENNELLO ADATTO

La nostra selezione prevede pennelli con caratteristiche differenti tra loro:

La serie 820 UNICO è caratterizzata da una punta in pelo sintetico fiammato e un manico ergonomico. Il filato sintetico Fiammato è molto morbido e a lento rilascio d’acqua, molto assorbente ed elastico. Ideale per medium diluiti, proprio come l’inchiostro di china. L’elasticità e leggerezza della fibra permette una definizione delle linee particolarmente precisa, senza lasciare tracce nella materia pittorica.

La serie 800 UNICO è realizzata in filato sintetico Mangusta, sempre con un manico ergonomico sagomato. La fibra Mangusta è caratterizzata da elevata morbidezza e assorbenza e da un lento rilascio d'acqua; ideale per acquarello, e tecniche pittoriche con poco spessore e molto diluite, come gli inchiostri. Ampio alla base e sottile in punta, il filato Mangusta sostituisce perfettamente le fibre animali più morbide.

La serie 600 TOP GRAPHIC è composta da pennelli in filato sintetico prugna con manico corto ergonomico in legno di betulla con verniciatura ecologica all'acqua. Questo manico in betulla è ergonomico per maggiore confort nei lavori di precisione. La coda del manico con taglio angolato è appositamente studiata per le tecniche di graffiatura chiamate "a sgraffito" ed asportazioni di colore. Il filato sintetico prugna della serie 600 è estremamente elastico e tenace; è ideale per lavori di precisione con colori all'acqua ed altri come inchiostri, chine, gouache, smalti. La forma affusolata della punta lo rende adatto a tecniche calligrafiche, lettering e disegno grafico. 

La serie 855/857 UNICO INFINITO è affilata nella punta e sorprendente nel serbatoio. Il filato è extra lungo, morbido e molto assorbente, per questo motivo è l’ideale per tecniche come queste. Grazie alla sua punta è possibile lavorare a lungo e di precisione, senza variare il tratto. 

Menu

BORCIANI BONAZZI

Create a free account to use wishlists.

Sign in
Servizio clienti whatsapp